Direttiva Europea RAEE

rev. 01 tv

In relazione alla gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche un buon passo in avanti in relazione alle metodologie di smaltimento di tali tipologie di rifiuto è stato fatto con la nuova direttiva europea 2002/96/CE (WEEE, Waste from Electrical and Electronic Equipment).

Tale direttiva mira ad avere azioni volte a:

–          ridurre la produzione di RAEE

–          incoraggiare riuso e riciclaggio in modo da ridurre i quantitativi da avviare a smaltimento

Introduce il concetto di Responsabilità del Produttore, ovvero, produttori e distributori di tutti gli AEE sono finanziariamente responsabili per la gestione dei prodotti alla conclusione della loro vita utile identificato Ogni prodotto deve essere da una etichetta indicante:

– il produttore

– quando è avvenuta la produzione

Il recepimento da parte degli stati membri sarebbe dovuto avvenire entro il 13/8/2004.

In Italia recepimento con il D.lgs 151 del 25/07/2005.

Un ulteriore passo in avanti si è fatto con la Direttiva Europea 2002/95/CE – ROHS (Restriction of the Use of Certain Hazardous Substances in Electrical and Electronic Equipment – Restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche)

Recepimento da parte degli stati membri entro il 1/1/2006 e recepita dall’Italia con lo stesso D.lgs 151/2005.

Principali obiettivi:

– rendere i RAEE meno pericolosi

– rendere i RAEE più facili da riciclare

 

 

Articoli simili