Atti di Indirizzo per le Raccolte Differenziate – Delibere RAS 2011

reduce, reuse and recycle - resource conservation

Fare la raccolta differenziata, implica che:

  • ci siano dei costi molto elevati a causa della maggiore complessità del servizio:
  • ci siano dei benefici.

I benefici sono dati dai contributi CONAI e dalle eventuali “premialità” e/o sgravi tariffari della Regione Sardegna.

A tal fine, la Regione Sardegna, in ottemperanza al D.Lgs 152/06 ha introdotto nel 2007 il principio di premialità e penalità nei sistemi di pagamento delle tariffe di smaltimento dei rifiuti.

Le Deliberazioni Regionali  intitolano appunto:

“Atto di indirizzo per lo sviluppo delle raccolte differenziate dei rifiuti urbani nel territorio regionale”

1) Del. 39/33 del 23/09/2011

Prima di analizzare i principi di Premialità e Penalità è importante sottolineare una NOVITA’ rispetto alle precedenti Deliberazioni.

  • Nel calcolo delle percentuali di Raccolta Differenziata sono ammessi anche i Cod. CER relativi ai RAEE , in particolare i RAEE Domestici.

Vediamo ora i principi di Premialità e Penalità:

Premialità

Stabilisce due livelli di premialità per il secco indifferenziato:

  1. Sgravio tariffario pari al 10% della tariffa per i comuni che raggiungono o superano il 60% di raccolta differenziata e che conferiscano il secco residuo in impianti senza il recupero energetico, con il 15% di umido; un alteriore sgravio  pari al 30% viene applicato ai comuni che conferiscono negli impianto che fungono da stazione di trasferimento per i termovalorizzatori di Capoterra e Macomer.
  2. Sgravio tariffario pari al 30% della tariffa per i comuni che raggiungono o superano il 60% di raccolta differenziata e che conferiscano il secco residuo nei termovalorizzatori di Capoterra e Macomer, con almeno il 15% di umido.

Questa nuova tendenza, già proposta nelle precedenti Deliberazioni del 2009, di premiare maggiormente i Comuni che conferiscono nei temovalorizzatori è atta ad incentivare l’utilizzo di impianti che permettano di chiudere il ciclo virtuoso di gestione dei rifiuti e recuperare energia dagli stessi.

Si mantiene il principio secondo cui solamente i Comuni che conferiscono l’umido in sacchi Biodegradabili ha diritto alle Premialità.

Penalità

Per quanto concerne le penalità vengono confermate le precedenti:

  • Penalizzazione pari ad 5.16 €/tonn per i comuni che non hanno raggiunto il 60% di raccolta differenziata, nonchè il 15% di umido;

La penalizzazione viene applicata anche ai comuni che pur raggiungendo il 60% di raccolta differenziata non raggiungono la percentuale del 15% di umido.

Deroghe

  • In deroga a quanto sopra disposto, per i Comuni che hanno una popolazione maggiore di 30.000 abitanti, si prende come percentuale di riferimento per l’applicazione dei principi di penalità/premialità il 50% e per quanto concerne la quantità di umido, il 15%;
  • In deroga a quanto sopra disposto viene confermato lo sgravio pari a quello dei comuni che superano 30.000 abitanti, per i comuni a vocazione Turistica per il solo trimestre luglio, agosto e settembre qualora la quantità di secco residuo raccolto sia tre volte la quantità raccolta nel primo trimestre dello stesso anno.


Inoltre vengono sospese le premialità ai comuni che non hanno corrisposto le PENALITA’ dal 2004 al 2011.
Infatti nel 2011 c’è stata un inversione del flusso di cassa in quanto le Premialità che sono state erogate sono state maggiori delle Premialità incassate.

Articoli simili