Atti di Indirizzo per le Raccolte Differenziate – Delibere RAS 2007

15951717452_b5e1f5e9b6_k REV.01
Dopo aver già sperimentato i principi di Penalità/Premialità attraverso sistemi incentivanti atti ad agevolare l’incremento delle raccolte differenziate secco-umido, nel 2007 la Regione Sardegna introduce delle novità.
Del. 6/05 del 13/02/2007
Nel 2007 in base al rapporto Regionale sui Rifiuti 2006, risultò che l’80% dei Comuni della Sardegna raggiungeva le premialità, quindi questo è stato il sintomo che quasi tutti i comuni si sono attivati per introdurre la raccolta differenziata in particolare sul sistema di separazione Secco/Umido.
Per cui la Regione Sardegna decide di estendere il principio di penalità e premialità anche ai rifiuti valorizzabili oltre che agli imballaggi (carta e cartone, plastica, vetro e alluminio, etc.).
Premialità
  • Per esaltare le situazioni più virtuose si sono fissati 2 livelli di premialità relativi allo sgravio tariffario del secco residuo:
  1. Uno sgravio pari al 15% per i comuni che raggiungono e superano la soglia di raccolta differenziata di riferimento (35%).
  2. E uno sgravio di eccellenza del 30% per i comuni che superano una percentuale di raccolta differenziata del 50%.
  • Per quanto concerne invece lo sgravio tariffario sulla tariffa di conferimento dell’Umido, la stessa rimane invariata e quindi del 30% sempre rispettando i requisiti della deliberazione regionale del 2005, ovvero sempre che la quantità di umido conferita superi il 10% in peso dei rifiuti totali conferiti.
Penalità
  • Il livello tariffario di riferimento medio regionale in base al Piano Regionale “era” di 80 €/tonn escluso ecotassa. Per cui la penalizzazione è quantificata in 20 €/tonn (25% sulla tariffa media regionale) per i comuni che non raggiungono il 35% di raccolta differenziata.

Deroghe

In deroga a quanto sopra disposto, per i Comuni che hanno una popolazione maggiore di 30.000 abitanti, si prende come percentuale di riferimento per l’applicazione dei principi di penalità/premialità il 30% e per quanto concerne la quantità di umido, il 10%.

La delibera regionale per quanto concerne l’applicazione delle premialità/penalità è molto rigida, infatti nell’allegato alla delibera regionale 6/5 del 13.02.2007 indica esattamente tutti i codici CER che concorrono alla determinazione della percentuale di raccolta differenziata. Quindi in alcuni casi, se si raccolgono imballaggi di tipo misto, le quantità di tale imballaggio non possono rientrare nel conteggio per l’applicazione delle premialità.
Il Piano Regionale sulla gestione dei rifiuti, prevede che entro il 2010 si debbano raggiungere percentuali del 50% di raccolta differenziata. Per cui la Delibera RAS del 04.04.2007, per adeguarsi fissa dei livelli di raggiungimento di percentuali di RD per il 2007/2011.

Gli obbiettivi di raccolta differenziata fissati dalla legge finanziaria sono i seguenti:

  • Almeno il 40% entro il 31 dicembre 2007
  • Almeno il 50% entro il 31 dicembre 2009
  • Almeno il 60% entro il 31 dicembre 2011

Tenuto conto ovviamente dei limiti già fissati precedentemente dalla delibera RAS 15/15 del 2006, ovvero:

  • 30% nel 2008
  • 40% 31.12.2009
  • 50% 31.12.2010

Si sono fissati dei limiti più adeguati alle esigenze della regione sardegna:

  • 30% al 2007
  • 40% al 2008
  • 50% al 2009

Precisazione

Nella delibera 14/12 del 2007 viene precisato che sono fuori dal conteggio delle percentuali di raccolta differenziata tutti gli ingombranti compresi i RAEE, in quanto tali tipologie di rifiuti non necessitano di un incentivazione per la raccolta separata, infatti questo tipo di raccolta avviene già in tutti i comuni a causa delle caratteristiche stesse del rifiuto.

 

Del. 14/12 del 04/04/2007
Premialità
Anche in questo caso, come nella Deliberazione precedente del 2007, vengono fissati due livelli di premialità (leggermente modificati rispetto ai precedenti):
  1. Uno sgravio pari al 15% per i comuni che raggiungono e superano la soglia di raccolta differenziata di riferimento (35%).
  2. E uno sgravio di eccellenza del 30% per i comuni che superano una percentuale di raccolta differenziata del 45%.

Penalità

La penalizzazione è quantificata in 5,16 €/tonn per i comuni che non raggiungono il 25% di raccolta differenziata con una percentuale del 10% per l’umido.

Deroghe

In deroga a quanto sopra disposto, per i Comuni che hanno una popolazione maggiore di 30.000 abitanti, si prende come percentuale di riferimento per l’applicazione dei principi di penalità/premialità il 30% e per quanto concerne la quantità di umido il 10%.

 

La deliberazione ricorda gli obbiettivi di raggiungimento di percentuale di raccolta differenziata fissati dalla delibera RAS 53/10 del 27.12.2007:

  • 40% al 31.12.2008
  • 50% al 31.12.2009
  • 60% al 31.12.2010
  • 65% al 31.12.2011
  • 70% al 31.12.2012

Articoli simili